Tag Archive for ghiaccio

Sling al brandy

sling.jpg

Gli slings sono un “sottogruppo” degli american drinks, molto simili ai punches, e possono, quindi essere caldi o freddi. Per quelli freddi la ricetta base è la seguente: sciogliere lo zucchero in acqua fredda con l’aggiunta di granatina, e poi mettere succo di limone e un alccolico. Per quelli caldi non si usa la granatina che si sostituisce con un pò di noce moscata grattugiata.

3 cubetti di ghiaccio
uno spruzzo di angostura
il succo di mezzo limone;
un cucchiaino da tè di sciroppo di zucchero,
8 cl di brandy
acqua ghiacciata

Questo sling va servito gelato. Mettete i cubetti di ghiaccio in un bicchiere grande e aggiungetevi gli altri ingredienti, ad eccezione dell’acqua. Mescolate il tutto brevemente con un cucchiaino a manico lungo. Riempite a piacere con acqua ben fredda: mescoalte con cura e servite subito. Eliminando il ghiaccio e facendolo riscaldare questo sling diventa punch.

Vodka

orzo.jpgVodka è una parola russa, diminutivo di voda che significa acqua. Nella sua forma originale, la vodka non è altro che un distillato allungato con acqua.
Il tenore alccolico è del 40-50%. Contrariamente alle teorie più diffuse, la vodka non deve essere nacessariamente fatta di alcool di patate: esiste anche dell’eccellente vodka di cereali (segale od orzo) ed un’altra qualità che si ricava dal grano.
La vodka è un distillato costituito da alcool raffinato che, attraverso numerosi passaggi, raggiunge le sue principali caratteristiche, ossia la purezza e la morbidezza del gusto. Non ha bisogno di essere stagionata nè invecchaiata. Una volta distillata e depurata, richiede di essere “trattata” con acqua purissima e in seguito l’unico accorgimento da osservare è di berla il più fredda possibile. Per quest’ultima condizione basta il frigorifero, ma chi volesse seguire il costume russo, può mettere a raffreddare la bottiglia in un blocco di ghiaccio cristallino e presentarla così in tavola.

N.B.:  i più  incalliti bevitori di vodka affermano che la si dovrebbe bere “alla russa”, ossia non solo ghiacciata, ma anche con un pizzico di sale sciolto in precedenza nel bicchiere.