Brezeln del Giovedì Santo

I Brezeln del giovedì Santo – sono specialità tedesche ed un tempo si preparavano durante la Quaresima. Erano una sorta di offerta che serviva a scongiurare l’influsso degli spiriti maligni e allontanare il brutto tempo e le malattie.
I “Brezeln del giovedì Santo”, infatti venivano preparati prima di pasqua e si dovevano servire come buon augurio per tutto l’anno.
Brezeln del Giovedì Santo

Per la pasta
500 g farina
25 g lievito di birra
40 g zucchero
un bicchiere di latte tiepido
un pizzico di sale
70 g di sugna
farina per stendere la pasta
1 bicchiere di acqua tiepida
un cucchiaino di sale
un cucchiaio di sale grosso per cospargere

Prendete qualche cucchiaio di farina e spezzettatevi dentro il lievito. Aggiungete un cucchiaino di zucchero, un pò di latte e un pò di farina e formate un panetto. Fate lievitare in un luogo caldo per 15 minuti. Poi riprendete il panetto di pasta aggiungendovi il resto dello zucchero e del latte, il sale, la sugna ammorbidita a fiocchetti, e tutta la farina. Fate una pasta morbida ma ben soda, e continuate a lavorarla finchè non si staccherà dalle pareti dell’impastatrice. Lasciatela riposare per altri 30 minuti in un luogo tiepido. Con le mani infarinate prendete dei pezzi di pasta e formate dei rotolini lunghi 40 cm e dello sepssore di un dito mignolo e incrociateli a forma di brezeln. Disponeteli su una teglia unta, spruzzateli con l’acqua salata e cospargeteli moderatamente di sale grosso.
Mettete la teglia nel forno caldo sul ripiano centrale. fate cuocere per 30 minuti a 220°. Durante la cottura spruzzate ancora un paio di volte i brezeln con acqua salata, perchè diventino ben croccanti. Tolti dal forno, lasciateli raffreddare un pò su una gratella.

Brezeln del Giovedì Santo

7 comments

  1. marsettina ha detto:

    devo provarli!

  2. paola ha detto:

    Buoni!Tra poco e’ il compleanno di mio figlio mi sa che li faro’ per la festicciola, tanto vado sul sicuro con le ricette di francesca

  3. elena ha detto:

    ciao francy. una domanda:cos’è la sugna?

  4. elena ha detto:

    ciao francy. una domanda:cos’è la sugna?

  5. Francesca ha detto:

    elena: è lo strutto….il ghrasso del maiale

  6. edera ha detto:

    complimenti alle signore tutte per i bei dolci che presentano in queste
    pagine,io gradirei sapere se qualcuno sa con esattezza come si fanno i
    macaron i dolcetti francesi che tanto piacevano a maria antonietta regina di francia,non sono riuscito per il momento a documentarmi bene in rete,grazie anticipate a chi risolverà il mistero!!!!

  7. dora ha detto:

    buoni devo provarli, ma approfitto x fari tanti auguri di una serena pasqua a te e ai tuoi cari e grazie x tutte le cose buone che imparo da te e la tua pazienza nel rispondermi sempre baci!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.