Cappellacci con ripieno fresco e sugo alle alici

Cappellacci con ripieno fresco e sugo alle alici

Immagino gli abbinamenti, e se mi viene l’acquolina prendo carta e penna e cerco di bilanciare il tutto. Ecco, ho bilanciato il tutto ma ad occhio per quanto riguarda il ripieno, infatti non immaginavo di pubblicarla sul blog della mia cara amica Maria Francesca. Era un sabato pomeriggio, ed ero nel monolocale di un Residence di San Benedetto del Tronto nelle Marche.  Stavo studiando in un’Accademia di cucina, qualche giorno precedente al diffondersi del Covid-19, che purtroppo ha interrotto il mio percorso, ma solo momentaneamente. e guardando una bottiglia di passata di pomodoro 100% Calabrese densa e polposa, mi venne l’acquolina…Mi passarono in mente i cappellacci con questo ripieno fresco di formaggio molle e limone, poi le alici….

Con questo ripieno si possono realizzare anche dei ravioli o creste di gallo, la pasta va tirata sottilissima, con mattarello o macchinetta. 

Vincenzo!

Cappellacci con ripieno fresco e sugo alle alici

Per la pasta fresca:
200 gr di Farina di semola
4 Tuorli
1 Uovo intero
un pizzico di sale

Per il ripieno:

Formaggio molle tipo Stracchino
Buccia di Limone bio grattugiata
Prezzemolo fresco tritato
sale

Per il sugo:

Alici sott’olio
Passata di pomodoro densa e polposa
Aglio
Origano secco
Olio extra vergine di oliva

Per lucidare la pasta:

Foglie di salvia fresco
Olio extra vergine di oliva
Prezzemolo fresco tritato per guarnire

Per prima cosa aromatizzate l’olio per il sugo e per la lucidatura della pasta: in un pentolino fate riscaldare un abbondante filo d’olio quindi togliete dal fuoco, dividetelo in due ciotole e aggiungete in una l’aglio pulito e una spolverata di origano, nell’altra delle foglioline di salvia.
Tenete coperto e lasciate da parte fin quando non si raffredda. Trascorso il tempo, filtrate. Avrete degli oli aromatizzati senza il rischio di bruciare in cottura le foglioline o l’aglio.

Preparate la pasta fresca: disponete a fontana la farina con il pizzico di sale, l’uovo intero e i tuorli. Con l’aiuto di una forchetta sbattete le uova e man mano fategli incorporare la farina. Lavorate con le mani e, se necessita, aggiungete altra farina fino ad ottenere un impasto liscio e non appiccicoso. Quando è pronto, formate una palla e avvolgetela con pellicola trasparente. Lasciate riposare in frigo per almeno 30 minuti.

In un pentolino mettete l’olio all’aglio e origano, fate riscaldare e unite le alici sgocciolate. Fate soffriggere qualche minuto quindi  unite la passata di pomodoro.  Non troppa, servirà da base al piatto e non dovrà essere eccessiva. Cuocete a fuoco dolcissimo fin quando non si sarà concentrata.

In una ciotolina mettete il formaggio molle, abbondante grattugiata di buccia di limone e una spolverata di prezzemolo tritato.  Lavorate fino ad amalgamare il tutto. Un pizzico di sale aggiungetelo solo se necessita quindi discrezionale

Trascorso il tempo di riposo dell’impasto, stendetelo con il mattarello o con l’apposita macchinetta. L’impasto deve essere sottilissimo. Ricavatene dei cerchi con un coppapasta da 8 cm. questo se realizzate i cappellacci.  Mettete al centro un cucchiaino circa di ripieno, inumidite i bordi e richiudete formando una mezza luna; premete per sigillare bene  avendo cura di far uscire l’aria. Unite le estremità premendo e lasciando il ripieno al centro. Come dicevo sopra con questo ripieno potete ottenere anche dei ravioli o creste di gallo.

Formati tutti i cappellacci, cuoceteli per pochissimo in acqua bollente e salata quindi prelevateli con un mestolo forato e saltateli in padella con l’olio aromatizzato alla salvia rendendoli lucidi.

cappellacci ripieni di formaggio

Impiattate i Cappellacci con ripieno fresco e sugo alle alici mettendo un paio di cucchiai di sugo alle alici caldo e 6-7 cappellacci per porzione. Spolverate con prezzemolo fresco e quindi servite subito e buon appetito.

cappellacci ripieni di formaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.