Pomodorini secchi sott’olio con capperi

I pomodorini secchi sott’olio sono una conserva tipica della Calabria e Puglia.

Per la preparazione occorre seccare i pomodori al sole, al forno o con appositi essiccatoi. Man mano che i pomodori perdono la loro acqua acquistano un sapore deciso. 

Il periodo giusto per la conservazione è proprio questo.

I pomodorini secchi sott’olio possono essere serviti come antipasto o come contono o anche per insaporire un panino al formaggio.

clicca qui per una ricetta

pomodorini secchi sott'olio

Difficoltà: Molto facile

Preparazione: 15 min (per l’invasamento)

Costo: Basso

Ingredienti

1 kg di pomodorini già secchi
3 spicchi di aglio
menta fresca
peperoncini a piacere
1 vasetto di capperi sott’aceto
Olio extra vergine d’oliva

Lavate uno per uno i pomodorini con acqua tiepida.

Una volta lavati prendete un recipente e aggiungete acqua e mezzo bicchiere di aceto bianco.

Mettete dentro i pomodorini e tenete in acqua un minuto massimo due.

Sistemate i pomodorini su una tovaglia pulita e lasciateli asciugare per una notte. 

Il giorno seguente prima di iniziare la preparazione dei pomodorini procedete alla sanificazione dei barattoli di vetro con i relativi tappi.

Lasciate asciugare i barattoli capovolti su uno strofinaccio pulito.
Pulite l’aglio e tagliatelo a fettine. Lavate la menta, asciugatela e tagliate le foglioline.

 

Prendete il primo barattolo e sul fondo distribuite un pochino di olio. Invasate i pomodorini secchi sistemandoli a strati ed aggiungendo qualche cappero, il peperoncino, la menta e l’aglio a proprio piacimento.

Proseguite con gli strati e lasciate due centimetri di spazio dal bordo del barattolo.

Infine coprite di olio e fate in modo di togliere eventuali bolle di aria.

L’olio deve coprire totalmente il vaso. Fate riposare una notte intera. 

Il mattino seguente controllate che ci sia abbastanza olio altrimenti aggiungetene dell’altro. 

Sistemate il pressello in modo da tenere fermi i pomodori.

Prima di gustarli fare trascorrere almeno una settimana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.